[Giorno 4] La firma della Carta di Milano, eredità di Expo Milano 2015

[Post scritto da Debora Facchini – Communication Dept. Manager di Aster – che fa parte della delegazione della Regione Emilia-Romagna in Silicon Valley]

La prima notizia di oggi è che piove!
L’alluvionata Emilia-Romagna è riuscita a portare un po’ d’acqua in questa terra disperata dalla sete.

La seconda notizia è che elencherò brevemente le attività di oggi perché sono tante e sono cotta di stanchezza: la sera, dopo essere stati tutto il giorno in giro, è il momento peggiore nel ciclo dormi-veglia di qui.

Anche questa mattina abbiamo partecipato a reThink Food dove i temi trattati hanno riguardato il cibo, la salute, la personalizzazione dei servizi.
E il cibo come prevenzione per una buona salute.

La firma della Carta di Milano, eredità di Expo Milano 2015

Ci siamo poi nuovamente suddivisi in gruppi di lavoro e, con Palma Costi e Simona Caselli, rispettivamente Assessore alle Attività produttive e Assessore all’Agricoltura della Regione Emilia-Romagna, abbiamo preso parte al Workshop dal titolo Food System Innovators on the Leading Edge od Social Change: 3 relatrici – Gwyneth Borden (Golden Gate Restaurant Association), Kirsten Saenz Tobey (Revolution Foods) e Kat Taylor (Fahr LLC)donne super dinamiche, stanno ripensando a nuovi modelli per progettare, consegnare, finanziare e “scalare” prodotti e pratiche.

Un esempio tra i tre: si tratta di un servizio per la consegna del cibo – un cibo buono e salutare, fatto di frutta e verdura, nelle scuole – e non tutte. Qui è un caso pilota e questo ci fa capire come in Emilia-Romagna la qualità dei servizi non sia affatto scontata e si confermi come modello di eccellenza.

La firma della Carta di Milano, eredità di Expo Milano 2015-2

Il pomeriggio si fa ancora più ricco.

Incontriamo Karen Ross, Ministro dell’Agricoltura dello Stato della California (Secretary of the Department of Food and Agricolture) e il Presidente Bonaccini la invita a firmare la Carta di Milano, eredità di Expo Milano 2015.

La firma della Carta di Milano, eredità di Expo Milano 2015-3 La firma della Carta di Milano, eredità di Expo Milano 2015-4La firma della Carta di Milano, eredità di Expo Milano 2015-6

Segue poi l’incontro con il Preside della CIA-Culinary Institute of America, Greg Drescher che ci mostra i progetti dell’istituto che ha sedi a New York, California, Texas, Singapore.

La firma della Carta di Milano, eredità di Expo Milano 2015-7

Interviene infine Rebecca Chesney del Food Future Labs la quale, con Sara Roversi del Future Food Industry, ha sviluppato la ricerca “Local Dynamics for global changes”, basata sul caso Emilia-Romagna.

Arriva la sera e partiamo per Davis, facendo una tappa a Sacramento, dove sembra di essere nel Far West, con tanto di edifici che riproducono vecchi saloon.

La firma della Carta di Milano, eredità di Expo Milano 2015-8 La firma della Carta di Milano, eredità di Expo Milano 2015-9

Poi, dopo un hamburger (HACCP questo sconosciuto!!!) tutti in hotel a leggersi un po’ di posta elettronica arretrata!

[Debora Facchini – Communication Dept. Manager @ Aster]

Pubblicato in News