Silicon Valley, dove Università e Impresa camminano a braccetto: il post-TVLPx di Federico

[Il post è scritto da Federico, co-founder di Elements]

A San Mateo, una delle tante cittadine della Silicon Valley, sulla Est 3rd Avenue c’è la Draper University.

Esattamente di fronte, dall’altro lato della strada, c’è Hero City, un incubatore di startup.

L’incubatore è disposto su tre piani: nell’interrato ci sono gli spazi dove verificare e sviluppare le idee imprenditoriali, i team possono accedervi gratuitamente per alcuni mesi, al fine di verificare la fattibilità della loro idea.
Nella lobby troviamo invece dei desk in affito: qui i team sono già divenuti imprese, iniziano a muoversi come neo società.
Al primo piano ci sono i Venture Capital, che agiscono come mentor e studiano le startup da finanziare.

3

Questo esempio di relazione e connessione fra università, impresa e finanza, riassume l’ecosistema della Silicon Valley. 

Ma spostiamoci di qualche miglio verso sud, tra Palo Alto e Menlo Park.

Qui c’è il secondo campus per dimensione al mondo, che ospita una delle prime università mondiali: la Stanford University.

A pochi chilometri, su Sand Hill Road, ci sono Sequoia Venture, Silicon Valley Bank e la maggior parte dei VC della Silicon Valley.

Poco più avanti si trova il garage di Hewlett-Packard, nata nel 1939, una delle primissime aziende tecnologiche della Silicon Valley.

A Stanford, ogni giorno passano CEO e VC per condividere le loro esperienze con i ragazzi. Quale migliore fonte di ispirazione ed insegnamento per questi futuri imprenditori?

4

Non è dunque un caso se questo ecosistema funziona così bene da sfornare di continuo le tecnologie che quotidianamente utilizziamo e che sono in grado di rivoluzionare le nostre abitudini.

È un mondo fatto di relazioni, di possibilità, di aiuto, di dialogo e network, fra università, impresa e finanza.

5

Questa è la grande sfida che ci attende: dobbiamo importare questa mentalità di apertura e libertà d’impresa, dove le idee e le tecnologie che si sviluppano all’interno delle Università devono trovare applicazione nell’industria, e non essere dimenticate negli scaffali di qualche laboratorio solo per l’incapacità di trasformarle in prodotti.

Dobbiamo maturare professionalità, dedizione e competenze concrete, indispensabili per avviare progetti d’impresa vincenti.

Ispirandoci ad un luogo, la Silicon Valley, che dimostra che tutto questo è possibile.
Serve però l’ecosistema adatto.

6 - Rebecca Lynn - Canvas Venture

Da un lato, l’impresa (quella che vuole innovare, di certo non quelle obsolete e ferme su modelli ormai ampiamente superati) deve entrare nell’Università, dall’altro l’Università deve spalancare le proprie porte alle richieste provenienti da questo mondo, offrendo le proprie competenze e dedicandosi con tempestività ed attenzione ai problemi proposti.

I docenti devono aprirsi a questo cambiamento di mentalità, lasciando massima libertà all’azione degli studenti e ricercatori che abbiano voglia di fare impresa.

Inoltre, i dipartimenti devono contaminarsi, per favorire l’analisi delle idee da più punti di vista diversi, consentendo allo stesso tempo il reclutamento dei membri dei team mancanti con competenze complementari per per costituire le startup vincenti del domani.

2

La finanza: le banche devono cambiare mentalità ed acquisire maggiori competenze negli ambiti tecnologici, per poter comunicare con un linguaggio al passo con i tempi.

Servono maggior dialogo, apertura, assenza di pregiudizi, umiltà e conoscenza.

L’Università e l’essere Italiani sono due chiavi strategiche dello sviluppo del nostro domani: abbiamo risorse culturali e creatività impareggiabili.
Devono essere semplicemente incanalate, incoraggiate, coltivate e sviluppate.

10515195_10208119552256743_4267633058234098_o

Infine, sono entusiasta nell’aver condiviso questa esperienza unica con un gruppo di ragazzi brillanti, desiderosi di innovare, pronti ad imparare ed importare i modelli vincenti, convinti che, a partire dal nostro impegno nel condividere questa esperienza ed iniziando a far aprire gli occhi a chi ancora si ostina a guardare il mondo con gli occhi del passato, forse un giorno riusciremo a cambiare veramente anche il nostro ecosistema.

[Federico – Elements]

Pubblicato in News Taggato con: ,