Silicio VS Silicone: il post-Silicon Valley di Pasquale Lanci

È arrivato il tempo dei consuntivi, dopo due settimane intensissime ed un viaggio di ritorno epico (quasi 45h nette e bagaglio disperso…) ecco alcune delle parole chiave che porterò con me.

Trust

Significa fiducia, ma declinata nelle due lingue ha significati ben diversi

USA: mi fido di te fintanto che non combini qualcosa per cui capisco che farei meglio a non fidarmi, e comunque se dimostri di sapere rimediare e di imparare dagli errori una seconda possibilità non te la nega nessuno.

ITA: non mi fido di te fintanto che non mi dimostri che posso farlo, ma attenzione perchè se commetti degli errori condizioni pesantemente le opportunità future.

In Silicon Valley un NDA (Non Disclosure Agreement, ovvero un patto di riservatezza) non sanno neanche cosa sia, le informazioni si condividono a tutti i livelli e questo genera da un lato un appiattimento dei valori dei singoli, dall’altro un ecosistema con una competizione interna mostruosa e con il quale è molto difficile se non impossibile competere. In questo risiede l’essenza della cultura d’impresa americana, fare è meglio che non fare. Qui abbiamo tanto da imparare.

Diversity & Inclusion

Oltre il 70% delle persone che lavorano in Silicon Valley sono straniere, nonostante gli atenei importanti (Stanford, Berkeley) il capitale umano e le competenze vengono principalmente acquistate fuori paese. La diversità in Silicon Valley viene gestita ed integrata come una risorsa strategica, qui nessuno si sognerebbe mai di giudicarti dal colore della pelle, dalle sneakers che indossi o dall’accento del tuo inglese. L’importante è distribuire obiettivi perseguibili e misurare i risultati, se ne porti sei ok, punto. Per avere un business internazionale devi prima essere internazionale, lezione di umiltà.

Silicon

In inglese sta per silicio, all’italiana suona come silicone. In fondo un pò siliconata questa realtà è davvero, esagerata, appariscente, spregiudicata, ambigua. “Molto interessante il tuo progetto teniamoci in contatto” qui significa “ciaone”. Ogni anno vengono investiti più di 50 bilioni di dollari però solo su società costituite in USA. Il meccanismo è del tipo “up or out”, ovvero cresci o sei fuori. Il percorso ideale inizia dal seed (un’idea) e finisce con l’IPO (quotazione in borsa) passando attraverso diversi round di finanziamento milionari. Il 90% delle startup però non sopravvive, ecco perché chi ce la fa deve avere una j curve che genera numeri enormi (1000x). Il meccanismo è molto simile al gioco d’azzardo, scommetti tanto dappertutto perché alla fine la posta per il vincitore è alta. Sì, è vero che uno che vince c’è sempre, ma alla lunga la partita non la vincono sempre i casinò…?! Mah, devo ancora capire dov’è il cortocircuito.

Network

In Silicon Valley tutti sono estremamente cordiali e disponibili, anche i top manager di aziende miliardarie ti danno udienza e rispondono alle mail al massimo il giorno dopo. Perché in fondo “who knows”, non puoi mai sapere se il ragazzino con i capelli verdi che hai di fianco nell’Uber Pool sia il prossimo Elon Musk. Avere delle buone conoscenze è la prima regola dell’imprenditore siliconico. Quindi se state tranquillamente sorseggiando un bicchiere di vino facendovi i vostri e qualcuno si para di fronte a voi tendendo la mano e chiedendovi cosa ci fate li, tranquilli, non è un maniaco. Resistete all’italica voglia di mandarlo a fare una passeggiata, siete in silicon valley guys, that’s networking.

Team

Un gruppo affiatato ed eterogeneo il nostro, che nel corso del pitch ha strappato diversi 4 (su una scala da 1 a 5) a navigati venture capitalist. Segno che le qualità e lo spessore delle startup italiane non ha da invidiare nulla a quelle statunitensi. Nei giorni precedenti avevamo assistito a diversi eventi del genere, e devo dire che la nostra serata per contenuti e forma è risultata superiore ad altre (se pensate che sia di parte tornate al punto 1: trust!). Anche merito dell’intenso lavoro fatto nel corso delle due settimane. Quindi le basi ci sono ed i numeri pure, se solo in Italia ci fosse un ambiente meno ostile…

Emilia-Romagna in Silicon Valley Mindset Program

Un viaggio che ci ha aperto la mente quindi, ma che con lucidità ci ha fatto vedere anche le differenze culturali che dobbiamo considerare e valorizzare.

In medio stat virtus.

Pubblicato in News Taggato con: , ,